Thursday, 21 April 2011

The Rice Basket - La Ciotola di Riso

Long gap between a post and another, isn't it? Well, sorry about that! I've been busy sightseeing and living the city as much as possible. I've been to some more museums, some more restaurants and live music bars, some more sights. This city has a certain vibe and you have to love it, one way or another. Anyway, instead of talking about Ho Chi Minh City (or HCMC as they write here), I'm going to talk about my two-day-trip to the Mekong Delta. First of all, what's the Mekong Delta? As you might get from the word "delta" after Mekong, is the delta of a river called Mekong. This river is in the south of Vietnam and its region is called the "rice basket" of the country. A part from rice fields - that weren't actually flooded since it's not rainy season yet - there were loads of gardens with so many kinds of fruits it was just amazing. Mangoes, pineapples, dragon fruits, jack fruits, papayas and loads and loads of coconuts of different kinds. Especially the water coconut, typical of that region. The trip cost me exactly 20 euro for two days, and it was such a bargain! I left early on Tuesday morning and got a bus with other 35 people of all nationalities - German, Israeli, French, Chinese, Polish, Australian, Belgian, Vietnamese and just one Italian, me! We had an English speaking guide with quite an annoying voice, but who told us quite a lot of interesting things about Vietnam: for example that when people own a piece of land they have all the rights to bury their relatives in a part of their field. They don't put the coffin into the ground, but build a tomb all around it, in a drained part of the field - luckily, because I was already thinking about not eating rice anymore in all my life. Also, he told us that to have a motorcycle in Vietnam for a guy in the past was like for us having a car. A man with a motorcycle could find a cute girlfriend, one without... no girlfriend at all. Anyway, I was sitting next to the Israeli guys (two girls and a boy) without knowing their nationality, so between the annoying voice of the guide and the fact that I was frustrated because I couldn't make out the language these guys were talking (Hebrew), I wore my in-earphones, put on some music and looked out of the window. Rice fields, rivers, houses, loads of bars and some villages and cities alternated. It was beautiful. Our first stop was in Ben Tre Province, where we got a boat and sailed on the Mekong river, which is wide and dirty, with many houses that ends right on its shores, or houses that float directly on the river. The side canals are smaller, wilder and the vegetation grows on a thick layer of mud. They took us to visit a brick factory first and then a garden where we could eat some fruits and listen to traditional Vietnamese songs (before they even started the guide said that Vietnamese themselves don't like those songs, actually, it was like the girls had a stomachache...). We then got a rowing boat to a coconut candy factory where we could try some candies and coconut wine, and then we got a motorbike taxi to another place where we got another rowing boat. By that time it started to rain, so we were given the typical Vietnamese hat ("non") which is amazing because no rain passed through it. We had lunch in a restaurant in the forest and next to the river and, after lunch, we got another boat to get back to the bus. We got on the bus and after two hours and a half we reached Can Tho, the biggest city in the Mekong Delta, where our hotel was. I had a huge room all by myself, without windows (which is good, because it means no light in morning), with TV with loads of English speaking channels, AC, two huge beds and a nice bathroom. I had dinner with Caroline and Chris, two lovely German girls who are in Vietnam for the Easter holidays, in a small restaurant/bar/cafe. Since I was very tired, I slept very well that night. The next morning, we had breakfast really early with noodles and rice and vegetables and meat. The typical Asian breakfast. I had rice. It was good. Really. Believe me. After breakfast we checked out and went to the river where we got on a boat and sailed lazily around the floating market. It was very quiet - apparently, the rush hour is around 5 am, and it was 8 by the time we got there - but beautiful nonetheless. There were loads of boats filled with fruits, vegetables and other goods. They had a long stick on the prow with a sample of the vegetables or fruits that they were selling pierced on a stick. After the market they took us to another fruit garden, where we had some more fruits to taste and tea to drink. No musical show this time, luckily... Anyway, we - Caroline, Chris and I - sat with the three Israeli guys and found out that they had just finished the military service and were travelling for six months through Laos, Cambodia, Vietnam and Thailand. They were nice, but asked loads of questions about religion and stuff like: what's Easter? or why do the Christians blame the Jews for the Crucifixion? Well, at least they were Easter-related questions. Anyway, we cruised for some more time and then got back to the city. We went to eat in a restaurant which was really a tourist trap - like all the shops in the middle of the Mekong "jungle" - and got the bus again. Before going back to HCMC, we stopped at Vinh Long market of fruits and vegetables and in the "Mekong Rest Stop" (!!!) were there was really nothing, it was just a wee-stop apparently. We got back to HCMC in the evening and as soon as we reached the city it started raining cats and dogs. Luckily, we found shelter in the tourist office. For dinner, I had a Vietnamese hot pot with Caroline and Chris and then our ways parted and I got back home. I was so excited about all the things that I've seen and done that jabbered a thousand words at Linh and Anh and showed them the 200 pictures that I had taken. But honestly, what do you think? Was it good or not? I wish it lasted longer...

On a different note, guys, Happy Easter! Hope yours will be filled with chocolate because mine won't... no Easter eggs in Vietnam! Can I cry?

***

E' passato tanto tempo tra un post e un altro, vero? Bè, chiedo scusa! Sono stata molto occupata a fare la turista e a vivere la città il più possibile. Sono stata a vedere altri musei, in altri ristoranti, altri bar con musica dal vivo, altri posti per turisti. Questa città ha un certo non so che e in un modo o nell'altro la si ama. Comunque, invece di parlare di Ho Chi Minh City (o HCMC, come abbreviano qui), vi parlerò del mio viaggio di due giorni al delta del Mekong. Prima di tutto, cos'è il delta del Mekong? Come di sicuro capireta dalla parola "delta", è il delta di un fiume chiamato Mekong. Questo fiume si trova nel sud del Vietnam e la sua regione è chiamata "la ciotola di riso" del paese. A parte le innumerevoli risaie (che non erano sommerse di acqua perché non è ancora la stagione delle piogge), c'erano tantissimi giardini con così tanti tipi di frutta che era un piacere per gli occhi. Manghi, ananas, pitaya, petit jacques, papaye, e tanti tipi di cocchi. Specialmente il cocco d'acqua, tipico di quella regione. Il mio viaggio mi è costato esattamente 20 euro per due giorni, ed è stato un vero e proprio affare! Sono partita prestissimo martedì mattina e ho preso un bus con altre 35 persone di tutte le nazionalità: tedesche, israeliani, francesi, chinesi, polacca, australiano, belgi, vietnamiti e un'italiana... me! Avevamo una guida che parlava inglese ed aveva una voce parecchio irritante, ma che ci ha dato tantissime informazioni sul Vietnam; per esempio che quando le persone possiedono della terra hanno tutti i diritti di seppellire i loro morti in una parte del campo. Non mettono la bara nel terreno, ma ci costruiscono attorno una tomba, in una parte che viene prima bonificata (per fortuna perche ero pronta a non mangiare più riso per il resto dei miei giorni in Vietnam). Inoltre ci ha detto che in passato avere una motocicletta era come per noi avere una macchina. Un uomo con una motocicletta poteva permettersi una ragazza carina, un uomo senza una motocicletta... non poteva permettersi una ragazza per niente! Comunque - tornando al viaggio - ero seduta di fianco a una degli israeliani (tre in totale, due ragazze e un ragazzo) senza sapere ancora la loro nazionalità, quindi tra la voce irritante della guida e il fatto che ero frustrata perché non riuscivo a capire che lingua parlavano questi tre (ebraico), ho messo su gli auricolari, fatto partire la musica e ho guardato fuori dal finestrino dove si alternavano risaie, fiumi, case, tantissimi bar e alcuni paesi e città. Era un paesaggio bellissimo. La nostra prima fermata era la provincia di Ben Tre, dove abbiamo preso una barca per navigare sul Mekong, che è largo e sporco, con molte case costruite proprio sulle sue sponde o case che galleggiano direttamente sul fiume. I canaletti secondari sono più piccoli, selvaggi e la vegetazione cresce su uno strato profondo di fango. Ci hanno portato a visitare una fabbrica di mattoni e poi un giardino dove abbiamo assaggiato dei frutti e ascoltato delle canzoni tradizionali vietnamite (prima ancora che iniziassero a cantare la guida ci ha detto che queste canzoni non piacciono neanche ai vietnamiti, in effetti sembrava che le cantanti avessero mal di pancia...). Dopo questa fermata, abbiamo preso una barca a remi e siamo andati ad una fabbrica di caramelle al cocco, poi abbiamo preso una motocicletta taxi fino ad un'altro posto dove abbiamo preso un'altra barca a remi. Mentre eravamo sulla barchetta (che era più una canoa a dire il vero), ha iniziato a piovere, quindi ci hanno dato i tipici cappelli vietnamiti ("non"), che sono fantastici perché assolutamente impermeabili. Abbiamo pranzato in un ristorante nella foresta e di fianco ad un fiume, e dopo il pranzo abbiamo preso un'altra barca per tornare al bus. Abbiamo ripreso il bus e dopo altre due ore e mezza abbiamo raggiunto Can Tho, la più grande città del delta del Mekong, dove si trovava il nostro hotel. Avevo una stanza gigantesca tutta per me, senza finestre (il che andava bene, perché voleva dire niente luce al mattino), con la TV con un sacco di canali in inglese, aria condizionata, due letti giganteschi e un bel bagno. Ho cenato con Caroline e Chris, due adorabili tedesche che sono in Vietnam per le vacanze di Pasqua, in un ristorante/bar/cafe. Quella sera ho dormito molto bene, visto che ero stanchissima. Il giorno dopo, abbiamo fatto colazione molto presto con spaghetti vietnamiti, riso, verdura e carne. La tipica colazione asiatica. Ho mangiato riso. Era buono. Davvero. Credetemi. Dopo colazione abbiamo lasciato l'hotel e siamo andati al fiume, dove abbiamo preso una barca e abbiamo navigato pigramente per il mercato galleggiante. Era molto tranquillo - la guida ci ha detto che il mercato è più affollato alle 5 del mattino e quando siamo arrivati noi erano ormai le 8 - ma bellissimo comunque. C'erano molte barce piene di frutti e verdure e altre merci. Avevano una lunga stecca a prua, con dei frutti o delle verdure infilzate in stecchi di legno e con essi segnalavano che tipo di vegetali vendevano. Dopo il mercato ci hanno portato ad un altro giardin della frutta dove abbiamo potuto assaggiare altri frutti e bere altro té. Niente spettacolo musicale questa volta, fortunatamente... Comunque, ci (io, Caroline e Chris) siamo sedute con i tre israeliani e abbiamo scoperto che avevano appena finito il servizio militare e che stavano viaggiando per sei mesi per il Laos, la Cambogia, il Vietnam e la Tailandia. Erano simpatici, ma facevano un sacco di domande sulla religione, cose del tipo: cos'è la Pasqua? o perché noi Cristiani diamo la colpa agli Ebrei per la crocifissione? Bè, almeno erano in tema con la Pasqua. Comunque, abbiamo navigato per ancora un po' di tempo e poi siamo tornate in città. Siamo andati a mangiare in un ristorante che era una trappola per turisti - come tutti gli altri negozi in mezzo alla "giungla" del Mekong - dopodichè abbiamo ripreso il bus. Prima di tornare ad HCMC ci siamo fermati al mercato di frutta e verdura di Vinh Long e al "Mekong Rest Stop" (!!!), dove non c'era proprio niente, era solo una fermata pipì. Siamo tornati ad HCMC per le 6 di sera e non appena abbiamo raggiunto la città ha iniziato a piovere a catinelle. Per fortuna abbiamo trovato riparo nell'ufficio turistico. A cena ho mangiato hot pot con Caroline e Chris, e poi ci siamo separate e sono tornata a casa. Ero così emozionata per tutte le cose che avevo visto e fatto che ho parlato per tantissimo tempo con Linh ed Anh e ho mostrato loro le 200 foto che ho fatto. Ma sinceramente, cosa ne pensate? E' stato bello o no? Vorrei solo che fosse durato di più...

Parlando d'altro, ragazzi, Buona Pasqua! Spero che per voi sia piena di cioccolato perché la mia non lo sarà... niente uova di Pasqua in Vietnam! Posso piangere?

***
A pineapple tree in the garden of fruits. - Un albero di ananas nel giardino dei frutti.

***

Houses on the Mekong. - Case sul Mekong.

***

The floating market. - Il mercato galleggiante.

***

The city of Can Tho. - La città di Can Tho.

***

Floating houses on the Mekong. - Case galleggianti sul Mekong.

***

Our rowing boats. - Le nostre barche a remi.

***

Our taxi-motorcycle. - Il nostro taxi-motocicletta.

***

A coconut factory on the Mekong. - Una ditta di carico di cocchi.

***

The brick factory. - La fabbrica di mattoni.

***

A cruising boat on the Mekong. - Una barca da crociera sul Mekong.

1 comment: