Tuesday, 1 March 2011

The Cape and Jo'burg - Città del Capo e Johannesburg

I am sorry for this huge gap between my last entry and this one. I have a very good excuse though. I was in Cape Town and Johannesburg for the past week, with a very limited internet access (I was in hotels and the computers were just terrible/too expensive). So, I am really sorry if you have waited for news from South Africa or for messages and e-mails and didn't get any. I will try to make up for this with this huge entry, but let's start from the beginning and talk about the Cape and Jo'burg. Sunday, 20th of February, I flew from Durban to Cape Town with my new favourite airline: Kulula.com. It was just amazing! The crew and captain were totally relaxed. Their announcements were so much fun: "Put the oxygen mask over your nose, stop screaming and then breathe, baby, breath!" or "This is a non-smoking flight, if we catch you smoking we will set you on fire". Hilarious! At the Cape I met Marina, my mum's cousin, who flew in just to see me. At the airport, we rented a car (a Hyundai Getz) and... I had to drive. I think I lost ten years of my life (they drive on the wrong side of the road in S.A.) from the airport to the hotel, but after that I was quite good and actually enjoyed driving around on those huge streets. Really, it's not that difficult to drive on the other side (despite all the messages you might have received of me complaining about it). The Cape - as they call it in S.A. - is beautiful. It has nothing to do with Durban or Johannesburg. It looks more like a European city rather than an African one. The A&V Waterfront - a converted dockland - is just perfect: no cars, a big shopping centre, loads of restaurants, a big Ferris Wheel, shops, benches, an aquarium and seals that doze off or swim right there in the water of the harbour. Marina and I spent our two last days there, just wandering around and enjoying the sun (and apparently I have enjoyed the sun a bit too much...). Anyway, during our second day in Cape Town we went up the Table Mountain, the mountain that overlooks the city and looks like a table and most of the time, it is covered by a "table cloth" of clouds which moves fast over the edges thanks to strong winds and makes it look like a waterfall of clouds (a cloudfall?). The view from up there was breath-taking. You could see for miles on both sides of the moutain. Up there we met two Italians - Carlo and Mario - with whom we spent the day and even the day after that, when we went to Hout Bay (beautiful beach, freezing cold ocean), Cape Point (the point where the Indian and Atlantic ocean meet), Boulders Beach (where you can swim amongst the African Penguins - if you dare to swim in the freezing water of the ocean) and Kalk Bay (a nice little sea town). On our third day, we went to Stellenbosch and the Winelands. Stellenbosch is a beautiful little town in the middle of the South African coutryside with a huge university campus and many shops and some lovely buildings. We spent the day there and visited two wine farms after that, they were stunningly beautiful. Fourth and fifth days were spent at the Waterfront in Cape Town. Actually, our fifth day should have been the day we flew to Johannesburg, but when we went to the airport - without a ticket - there wasn't a single seat available to Jo'burg. So we were back to the Waterfront, we hopped on a boat that brought us out the harbour and saw the dolphins playing in the ocean and a huge red jellyfish. Finally, on Saturday we left for Jo'burg. We didn't see the city at all (Marina was like, "I will spare you the view" - apparently, it's not a very nice city...), but we went straight to the Apartheid Museum, where I was labelled on my ticket as a non-white and Marina as a white, so we went our separate ways. The museum is huge and very well organized as well as touching. Not a nice period in human history. After that we were off to our hotel, the Misty Hills Country Hotel, right outside Jo'burg. It was in the true African style with lodges and pavillion with grass roofs. I've never been in such a beautiful hotel. A lovely conclusion to my South African staying.

Right now I'm in Angola, and there is so much to say about it, but this is just too long to continue, so... next time!

***

Mi dispiace tantissimo per questo terribile ritardo nello scrivere il blog, ma ho un'ottima scusa. La scorsa settimana ero a Cape Town e a Johannesburg e non avevo accesso ad internet (o meglio l'avevo, ma costava tantissimo ed i computer erano terribili). Quindi mi dispiace molto se stavate aspettando notizie dal Sudafrica o messaggi ed e-mail e non ne avete ricevuti. Cercheró di farmi perdonare con questo lunghissimo post. Ma cominciamo dall'inizio e parliamo di Cape Town e Johannesburg. Domenica 20 febbraio, ho preso la mia nuova compagnia aerea preferita per andare da Durban a Cape Town, la Kulula.com. É fantastica! Gli assistenti di volo e il capitano erano incredibilmente divertenti. Gli annunci erano di questo tipo: "Mettete la maschera per l'ossigeno sopra il naso e la bocca, smettete di urlare e poi respirate, ragazzi, respirate" oppure "Questo è un volo non fumatori, se vi becchiamo a fumare vi daremo fuoco". A Cape Town ho incontrato Marina, la cugina di mia mamma, che è venuta apposta per stare con me. In aeroporto abbiamo noleggiato una macchina (una Hyundai Getz) e... ho dovuto guidare. Penso di aver perso dieci anni di vita (in Sudafrica si guida dall'altra parte) dall'aeroporto all'hotel, ma le altre volte ero brava mi sono davvero divertita a guidare su quelle strade enormi. Comunque, non è poi così difficile guidare dall'altra parte (nonostante tutti i messaggi di lamentele che potreste aver ricevuto da me). Cape Town è bellissima. Non ha niente a che vedere con Durban o Johannesburg. Sembra più una città europea che una africana. Il V&A Waterfront - una zona portuale convertita - è praticamente perfetto: niente macchine, un grande centro commerciale, molti ristoranti, una ruota panoramica, negozi, panchine, un'acquario e foche che sonnecchiano al sole o nuotano nelle acque del porto. Io e Marina abbiamo passato i nostri ultimi due giorni a Cape Town lì, semplicemente passeggiando e crogiolandoci al sole (e io mi sono crogiolata un po' troppo forse...). Il secondo giorno a Città del Capo siamo salite sulla Table Mountain, la montagna che domina la città e sembra una tavola e che per la maggior parte del tempo è coperta da una "tovaglia" di nuvole, che si muovono velocemente grazie al forte vento e sembra una cascata di cumulonembi. La vista da lassù toglieva il fiato. Si poteva vedere per chilometri da entrambi i lati della montagna. In cima abbiamo incontrato due italiani, Carlo e Mario, con cui abbiamo passato la giornata e anche il giorno successivo, quando siamo andati a Hout Bay (bellissima spiaggia, oceano gelato), Cape Point (il punto dove i due oceani, l'Indiano e l'Atlantico, si incontrano), Boulders Beach (dove si può nuotare con i pinguini Africani - se si ha il coraggio di nuotare nell'acqua gelida) e Kalk Bay (una graziosa cittadina di mare). Il terzo giorno siamo andate a Stellenbosch e nelle Winelands (letteralmente, terre del vino). Stellenbosch è una bellissima località in mezzo alle campagne del Sudafrica con un enorme campus universitario, molti negozi e interessanti edificio. Abbiamo trascorso la giornata lì e poi abbiamo visitato due aziende vinicole che erano incantevoli. Il quarto e il quinto giorno li abbiamo passati al Waterfront di Cape Town. A dire il vero, il quinto giorno dovevamo andare a Johannesburg, ma quando siamo arrivate in aeroporto, senza biglietto, non siamo riuscite a trovare nemmeno un posto per Jo'burg. Così siamo tornate al Waterfront e abbiamo fatto un giro in barca, che ci ha portato fuori dal porto di Città del Capo e ci ha permesso di vedere i delfini e anche una gigantesca medusa rossa. Infine, sabato, siamo partite per Jo'burg. Non abbiamo visto la città per niente (Marina mi ha detto, "Ti risparmio la vista". In teoria non è un bel posto...), ma siamo andate dritte al Museo dell'Apartheid, dove sono stata etichettata come non-bianca sul mio biglietto, mentre invece Marina era bianca, quindi abbiamo preso entrate differenti. Il museo è tanto enorme e ben organizzato quanto commuovente. Non è stato un bel periodo nella storia dell'umanità. Dopo la visita siamo andate al nostro hotel, il Misty Hills Country Hotel, fuori Johannesburg. Era nello stile africano più puro con edifici e padiglioni con il tetto di erba. Non sono mai stata in un albergo più bello di quello, una conclusione fantastica al mio soggiorno in Sudafrica.

Ora sono in Angola, e ci sarebbe così tanto da dire, ma questo post è già troppo lungo per parlarne ora, quindi... la prossima volta!

***

The Waterfront and the Table Mountain. - Il Waterfront e la Table Mountain.

***

The Waterfront.

***

The Waterfront.

***

The Ferry Wheel at the Waterfront by night. - La Ruota Panoramica del Waterfront di notte.

***

The Waterfront by night. - Il Waterfront di notte.

***


The Victoria Wharf by night. - Il Victoria Wharf di notte.

***

Cape Point, where the two oceans meet. Extreme weather. - Cape Point, dove si incontrano i due oceani. Clima estremo.

***

Hout Bay.

***

Stellenbosch.

***

The Winelands and Tokara. - Le Winelands e Tokara.

***
A colony of African Penguins at Boulders Beach. - Una colonia di pinguini africani a Boulders Beach.

***
A seal dozing off in the harbour of Cape Town. - Una foca che dorme nel porto di Cape Town.

***
A dolphin playing in the ocean. - Un delfino che gioca nell'oceano.

4 comments:

  1. Hey Ely! WOW!! That sounds sooo cool! I agree with you that Cape Town is sooo much better than Jo'burg! Missing you sooo much!! Don't Fuss about the pictures! :) Emily :)

    ReplyDelete
  2. Ely!..mi stavo preoccupando tanto..non avevo più tue notizie!..devo confessarti che ho riso un bel pò quando ho letto la parola "cumulonembi"..ahahah..un chiaro riferimento ad UP..(viva Russel)..cmq mi manchi ely!..ho voglia delle nostre chiaccherate pre-nanna..ma te stai facendo un'esperienza fantastica e ti invidio molto!..un bacio da parte mia a dalla mia mamma!
    P.S.:ti darò una notizia su venezia..ieri sera mi sono vestita da pene e due mie amiche da palle!..dovevi vederci!..saresti stata fiera di me!..sono stata paparazzata a ogni passo!

    ReplyDelete
  3. Bellissimi foto, bellissimi posti e "post"!
    Se ti va aggiungimi anche tu ai follower, ho aperto un nuovo blog: thegirlwiththesuitcase.blogspot.com
    Ti aspetto!

    ReplyDelete
  4. Pretty nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I have really enjoyed browsing your blog posts. In any case I’ll be subscribing to your feed and I hope you write again soon!

    cheap nolvadex

    ReplyDelete